Oggi a nessuno può essere il concesso il lusso di NON COMUNICARE in modo organizzato e incisivo senza dispersione di risorse.



In Italia, nelle piccole e medie imprese, la comunicazione viene seguita da diversi fornitori, ognuno dei quali si occupa di gestire professionalmente il proprio settore.
In questa pluralità di voci si rischia di perdere di vista l'obiettivo stesso della comunicazione ovvero la sua efficacia.
Troviamo quindi web agency che lavorano sul sito web decidendo in modo più o meno autonomo che tipologia di sito implementare, se e come indicizzarlo e quali immagini pubblicare.
Le personalizzazioni di auto, furgoni o divise vengono invece studiate, realizzate e seguite da studi grafici.
Ci sono poi le brochure ed i cataloghi realizzati dall'agenzia di comunicazione così come biglietti da visita, loghi e carta intestata, mentre le uscite pubblicitarie sono progettate dagli stessi uffici grafici delle testate e via discorrendo.
Quello che ne esce è una sorta di mosaico incontrollato in cui nessuno presta attenzione all'aspetto focale della comunicazione ovvero alla sua incisività ed efficacia.

Il metodo In-Asset ti permetterà di avere un elenco degli strumenti già esistenti all'interno dell'impresa, di coordinarli ed ottimizzarne il l'utilizzo seguendo un disegno preciso e pianificato sulla base degli obiettivi che vuoi raggiungere.

Secondo noi la comunicazione è EFFICACE quando possiede tre requisiti: IDENTITA', ORGANIZZAZIONE e CONCRETEZZA.
Senza un'identità non si ha nulla da dire.
Senza organizzazione non si è incisivi e non si crea vantaggio competitivo.
Senza concretezza non si ottiene nessun risultato.

L' IN-ASSET CODE crea quindi un ponte tra le reali intenzioni dell'imprenditore e l'efficacia degli strumenti presenti in azienda o da implementare.

 


QUICK CONTACT

F.A.Q. COMUNICAZIONE

Avere un sito moderno, correttamente indicizzato sui motori di ricerca ed essere presente sui canali di Social Network, è sicuramente un passo imprescindibile per una corretta presenza online.
Tuttavia questo rappresenta il primo di una serie di passaggi che, se non adeguatamente pianificati, possono rendere inutile l’essere approdati con una grafica accattivante nel web o essere registrati su tutti i principali canali social ad oggi presenti vanificando, di fatto, l’investimento sostenuto.

Un sito internet non deve essere un semplice specchio per le allodole ma deve offrire contenuti interessanti per riuscire ad attirare le utenze e a trasformarle in possibili clienti.
Offrire contenuti significa andare oltre alle classiche pagine statiche “chi siamo”, “cosa facciamo” e “contatti”. Significa abbandonare la concezione del sito vetrina in favore di una piattaforma dinamica, in grado di offrire un valore agli utenti che ne esplorano le pagine, dando un vantaggio a loro prima ancora di trarne per sé.
Questo perché il vantaggio immediato più grande è riuscire ad essere percepiti come utili dal nostro possibile cliente, cosa che non è più possibile raggiungere con frasi come “azienda storica che opera dall’anno tal dei tali” o “offre un servizio a 360 gradi” o “leader di mercato”. Queste parole sono ormai vuote, abusate e quindi non rilevanti.

Siamo autorevoli se sappiamo dare al nostro possibile cliente ciò che cerca: un’informazione contenuta in un articolo del nostro blog, che sappia farsi leggere volentieri, un file scaricabile gratuitamente che può essergli utile nel lavoro quotidiano, una news in anteprima.
Offrire contenuti significa tutto questo ed è un’attività vitale che deve essere fatta sul sito aziendale così come sui canali di Social Network, scegliendo quelli più idonei alla nostra identità, scegliendo il tono con cui dialogare, definendo un piano editoriale.

Corporate identity si riferisce all'immagine che un'azienda ha, o cerca di costruirsi, presso il pubblico in modo da distinguersi dai concorrenti.
Essa rappresenta la forma più profonda e spirituale del marchio. 

In essa si identifica il "cuore" dell'azienda il quale, generato dai valori dei suoi fondatori, dà origine alla visione ed alla missione aziendale.

E’ l’inizio di tutto.

Fare marketing significa anche fare comunicazione.
Non c’è un prima e un dopo. Il marketing comporta una serie di processi, operazioni e analisi che coinvolgono tutta l’azienda, dalla definizione delle migliori pratiche interne fino alla definizione di una propria identità e, dunque, della sua comunicazione sul mercato.

Nella sua accezione fondamentale, il marketing si basa su 4 leve:
-    Il prodotto che l’azienda offre
-    Il prezzo fissato per la vendita
-    I canali distributivi attraverso i quali venderlo (es: il punto vendita)
-    La comunicazione fatta per farsi conoscere e percepire dal mercato.

Fare marketing significa pianificare attentamente e sinergicamente ognuna di queste quattro leve, compresa la comunicazione.
Comunicare vuol dire porre attenzione a una grande varietà di aspetti: non solo la promozione del proprio prodotto, ma anche il come le persone percepiscono l’azienda, il rapporto con i clienti già acquisiti, la reputazione di cui gode l’azienda, il passaparola che viene fatto su di essa o sul suo prodotto, la visibilità online e offline.

Far venire meno la leva della comunicazione o una qualsiasi altra delle leve fondamentali significa potenzialmente vanificare l’intera strategia di marketing e, quindi, il fatturato finale.